FORZA LIVORNO!

Pur non essendo nata a Livorno, ho molti motivi per sentirmi legata a questa città, nella quale vivo e lavoro. Mi piace pensarla cosi.

Nella notte l’acqua ti ha travolto, si proprio l’acqua, a te tanto cara. Questa volta però non era salata ma sapeva di terra, di dolore, e di rabbia. Si tanta rabbia, quella che ti ribolle nelle vene perché e’ ingiusto morire cosi. Affogare nell’impotenza.

Oggi è un nuovo giorno e sono certa che saprai mostrare il tuo vestito piu’ bello. Non è fatto di lustrini e merletti a te non piacciono, ma di una stoffa resistente e generosa che profuma di umanità. Si quella fatta di gesti concreti. Un esempio per tutti, quel vicino che non ha esitato a immergersi, per aiutare il nonno a mettere in salvo i nipoti.

Ti saprai rimboccare le maniche e trasmettere la caratteristica che ti è propria fin dalle tue radici, l’accoglienza. Tu tornerai a essere chiassosa, godereccia, ironica alle volte polemica e piena di se’.

Questa ferita è profonda ti lascerà una bella cicatrice, ma con il tempo ti accorgerai che ti ha reso piu’ forte. So che nel tuo grande cuore porterai il ricordo di chi nella notte ha perso la vita e non ti dimenticherai della piccola Camilla.

Ora è il tempo di vogare tutti uniti, senza badare a colori o bandiere, per vincere il palio della solidarietà, quella vera che non fa rumore e scalpore, ma ci aiuta a guardare avanti.

3 Comments
  1. Il dolore fa emergere il meglio di un popolo, di una,citta`
    Grazie ad Annalisa per questa,dichiarazione d amore.
    Dovremmo farne tutti ,alle nostre citta` , ogni tanto
    Cara,Livorno , sono certa che ti rialzerai!

  2. Certe cicatrici non scompaiono ma daranno anche la forza per reagire! !! Brava Annalisa e forza Livorno!!!

  3. La cicatrice non deve scomparire, ma far ricordare l’evento che l’ha causata. E fat si che più non accada

Lascia un commento